Pensando a te, tempo addietro, avevo avuto l’idea di un documentario: “Guida alla comprensione del mondo“, o un titolo del genere. Prova a immaginare: un viaggio epico e rapidissimo; una carrellata di immagini, foto e video che si alternano partendo dalla nascita dell’universo per arrivare ai giorni nostri, toccando tutti gli eventi, i temi e i princìpi più rilevanti, commentati costantemente da una colonna sonora e una voce narrante (non dico veloce come quella alla fine delle pubblicità dei medicinali, ma quasi). Lo so, detto così somiglia alla sigla di “The Big Bang Theory“, ma la serie non esisteva ancora al tempo in cui ci pensai.

L’idea era di provare a spiegare, in estrema sintesi, il funzionamento del pianeta e della società umana per chi, come te, si sarebbe affacciato alla vita. Un’enciclopedia essenziale riassunta in un paio d’ore di film. Sì, perché tra le tante cose che ho fatto ho anche studiato cinema (di questo parleremo poi). Il progetto non è mai andato oltre la fase di ideazione. Avevo scritto degli appunti, ma purtroppo sono andati perduti (devi sapere che tuo padre ha questo difetto, pensa tanto ma concretizza poco, e si perde spesso qualche pezzo).

Photo by Pixabay on Pexels.com

Si impara vivendo, di questo sono convinto, ma il mio intento era mettere ordine nelle tante informazioni che si accumulano disordinatamente nella nostra testa man mano che le apprendiamo. Manca, cioè, una prospettiva unitaria; queste idee possono sembrare separate e dispersive, quando invece fanno parte di un’unica grande storia di cui noi stessi siamo protagonisti. Anche tu ne sarai protagonista. Dovrai fare delle scelte e non sempre ci sarò io a guidarti, e non sempre farai la scelta giusta. Non ti preoccupare, è normale, è parte della crescita di ognuno. Ciò che conta è avere uno spirito critico. In questo mondo nasciamo per essere una benedizione o una maledizione. Me lo ha insegnato un videogioco chiamato Black&White (spoiler: tuo padre è un nerd) e da allora ci penso spesso. Questo mondo può essere una meraviglia oppure una fonte di sofferenza e le nostre azioni possono influire su quale di queste percezioni avranno gli altri, oggi, quest’anno, nella vita. Non sottovalutare mai l’impatto che puoi avere, in bene e in male. Anche nel nostro piccolo possiamo fare la differenza.

Se solo capissimo di essere connessi. Se tutta l’umanità riuscisse a pensare e agire guidata dallo stesso senso di empatia e coesione, allora potremmo mettere fine istantaneamente alle più grandi afflizioni del nostro tempo. Finirebbero immediatamente le guerre, scomparirebbe la fame, risaneremmo il pianeta. Solo desiderandolo, se tutti desiderassimo la stessa cosa.

Può sembrare idealistico, suona un po’ di magia, eppure… Può succedere davvero. Pensaci: come io insegno a te a guardare al bene comune, a inseguire un sogno di pace, a perseguire la giustizia per tutti, a essere sempre consapevole delle conseguenze delle tue azioni, ad avere pietà della sofferenza altrui, se allo stesso modo tutti ricevessero questo insegnamento allora il mondo potrebbe cambiare e rapidamente. Credo sia per questo che ho deciso di voler scrivere storie e insegnare. Tu sarai libero di seguire la tua strada, ma sappi che tuo padre ha trovato in questo ideale il suo ruolo nella vita.

A proposito di documentari. Se già ti ho fatto vedere il documentario “I am“, avrai riconosciuto uno dei temi principali. We are all connected. Io e te, la nostra famiglia, i nostri amici, le famiglie dei nostri amici e gli amici della nostra famiglia, i miei studenti, i tuoi insegnanti, chi sta leggendo queste parole adesso. Popoli del passato, fratelli della nostra epoca, generazioni del futuro. Siamo tutti connessi. Quando ti sentirai scoraggiato, ricorda che questa è l’unica coscienza che avrà sempre la forza di perdurare attraverso ogni tempo, fino a quanto si affermerà.

Possiamo essere una benedizione o una maledizione per questo mondo. E tu, cosa sarai?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...